Image Alt

Fare

  /  Fare

La capacità di unire i punti, una visione che cambiava angolo di prospettiva, nessuna nuova tecnologia, è il cambio di paradigma la vera rivoluzione di Steve Jobs.“Perché dovrebbe esserci un computer dentro le case?”, “Internet? Sarà come una Supernova”.Era questa la visione di riferimento quando incomincio a palesarsi al mondo il geno creativo de fondatore della casa di Cupertino.E sì, perché fino a quel famoso gennaio del 1984, quando con uno spot mandato in onda in prime time durante il Super Bowl, veniva lanciato

SMART ATTACK, un nome volutamente creativo e provocatorio per una manovra che vuole avere il sapore della sfida.25 Milioni di Euro, per la sfida lanciata al tessuto delle piccole medie imprese, affinché possano avviare o completare il percorso di trasformazione digitale sempre più indispensabile per rimanere competitive e intraprendere il sentiero della crescita dimensionale.Una sfida su cui il tessuto economico dell’Umbria non può più indugiare.Fin dal 2018 Banca d’Italia evidenziava come tra i fattori strutturali di freno allo sviluppo dell’economia locale erano la bassa

Intelligenza artificiale buona e intelligenza artificiale cattiva, è un po’ questo il discrimine della proposta di Regolamento sull’Intelligenza Artificiale approvato qualche giorno fa in Commissione Europea.E’ evidente che l’Europa voglia giocare d’anticipo sul piano normativo, rapportandosi all’intelligenza artificiale graduandone il rischio ed individuando alcuni ambiti in cui, l’applicazione delle tecnologie ad essa connesse, possa rivelarsi pericolosa al punto tale da diventare rischiosa, se non anche inaccettabile.Non è nostra intenzione soffermarci sulle tematiche etiche e morali che il tema dell’intelligenza artificiale può sollevare, quanto semmai

PNRR, la sfida dell'Umbria? Riposizionarsi lungo la catena del valore, costruendo filiere sempre più integrate, attraverso specializzazioni verticali in settori evoluti. In altre parole, creare nuova economia valorizzando quella esistente.E’ questa la sfida che l' Assessorato allo Sviluppo Economico ha cercato di raccogliere nella definizione di alcuni dei progetti che compongono il PNRR regionale.Il tutto prestando attenzione a costruire un approccio sistemico, che preveda molteplici punti di contatto tra le diverse progettualità.Il punto di partenza è stato quindi l’analisi attenta delle debolezze del nostro

La pandemia ha sicuramente contribuito ad accelerare la pressione verso la digital transformation soprattutto delle piccole e medie imprese. Se è vero che molte aziende hanno trovato nel digitale uno strumento di resilienza, il processo di transizione digitale delle nostre imprese non è ancora soddisfacente, soprattutto in quelle di minore dimensione.Alla base di questo ritardo alcuni fattori: il pregiudizio che gli investimenti in digitale siano ad appannaggio esclusivo delle imprese più strutturate la difficoltà del piccolo imprenditore a comprendere l’utilità del digitale la

La pandemia covid-19 ha di fatto ridefinito le traiettorie di crescita globale.Gli shock sui mercati di approvvigionamento e gli effetti di sostituzione su quelli di sbocco, oltre che la ridotta convenienza di costo alla delocalizzazione, hanno contribuito a generare una progressiva frammentazione delle catene globali di valore, sempre più locali e meno integrate a livello internazionale. Una trasformazione che pone di fatto fine al modello economico che ha dominato gli ultimi trent’anni.Quello di cui poco si parla è la progressiva contrapposizione tra due blocchi

ARPAL, Agenzia Regionale per le politiche attive del Lavoro è un’agenzia unica nel suo genere in Italia, infatti in capo ad essa ci sono le competenze sulle politiche attive del lavoro e quelle sulla formazione.Mettere insieme impiego e formazione, così come fatto dalla legge che ha istituito Arpal, rappresenta una sfida, ma necessita dell’introduzione di alcuni elementi capaci di rendere più efficace il mercato del lavoro. E’ questo il senso della riforma della Legge 1 pre-adottata dalla Giunta Regionale e che ha cominciato oggi

Prendendo in prestito una metafora dalla botanica, l’innovazione è quanto mai antitetica alla gramigna. Non nasce spontanea né, tantomeno, è infestante. L’innovazione ha bisogno di processi di semina e fatica a svilupparsi proprio dove attecchisce la gramigna: terreni in cui, scelte sbagliate o mancanza di programmazione, hanno permesso che il tessuto economico venisse divorato, rendendolo arido e desertificato.

La semplificazione amministrativa da anni è declinata quale priorità dell’azione politica nazionale e locale. Semplificare vuol dire rendere più snella ed efficiente l’attività degli enti pubblici e di fruizione più chiara e semplice per il cittadino. Il processo di semplificazione richiede necessariamente lo studio approfondito dei processi e dei modelli amministrativi.